La valutazione della ricerca e la diffusione della cattiva scienza

Nell’ambito del G20-GlobalSolutions tenutosi a Berlino il 28 e 29 maggio 2018, ho partecipato ad una sessione sulla valutazione della ricerca.

Qua trovate il testo del mio intervento. A breve le slide.

 

Advertisements

Dati segreti e classifiche pseudoscientifiche: la via italiana alla valutazione della ricerca

Tags

, , , , ,

How Pseudoscientific Rankings Are Distorting Research

Tags

, , , ,

Scientific truth has historically emerged from the battlefield of conflicting ideas. But in a new and worrying twist, it is now being guaranteed by governments’ “objective” ranking of scientists, journals, or universities. In Italy, the governmental agency running academic research assessment programs provides a vivid example of this growing phenomenon of state-affirmed pseudo-science. Detailing an in vivo experiment in Italy, this article uncovers the un-scholarly practices at the root of this development, and the dangerous implications for both science and democracy.

 

 

Auguri

cof

di Maurizio Olivotto

 

I professori universitari italiani sono i più pagati del mondo? Una bufala dura a morire

La leggenda degli stipendi straordinari narra che i professori universitari italiani siano tra i più pagati del mondo. Dimenticata per qualche anno, la leggenda ha ricominciato ad essere diffusa nei giornali in concomitanza con lo sciopero degli esami. A supportarla, dati “incontrovertibili”, prodotti dall’OCSE nell’edizione 2016 di Education at a Glance 2016 (EaG 2016). I…

via I professori universitari italiani sono i più pagati del mondo? Una bufala dura a morire — ROARS

Ricevimento studenti settembre

Questa settimana sarò fuori Siena per impegni accademici/convegni e non potrò svolgere ricevimento.
Mercoledì 13/9 sarò raggiungibile via Skype previo appuntamento (da richiedere per mail) dalle 15 alle 17

Lunedì 18/9 su appuntamento  (da richiedere per mail)

Giovedì 21/9 Via Mattioli ore 12,30
Piazza San Francesco ore 17 circa al termine della sessione di esame

Da lunedì 25/9 i ricevimenti si svogeranno con il seguente orario:
lunedì e mercoledì ore 14 Via Mattioli
martedì ore 14 Piazza San Francesco

 

Sciopero dei docenti universitari

Tags

, ,

Cari studenti,

parteciperò allo sciopero dei docenti universitari che prevede l’astensione dallo svolgimento del primo appello della sessione di esami di settembre. A meno di revoca, nel mio caso, lo sciopero si concretizzerà, come dai termini autorizzati dalla Commissione di Garanzia degli scioperi, nel mancato svolgimento dell’appello di Economia politica/Economia politica e del lavoro previsto per il giorno martedì 5 settembre 2017, ore 10. L’appello del pomeriggio di Economia della regolazione e del diritto si svolgerà invece regolarmente.

Spero che i disagi legati a questa mia decisione siano limitati e sono a disposizione per ogni esigenza specifica.

Le ragioni dello sciopero sono spiegate nell’articolo che ho scritto per Il Mattino e che potete leggere qua sotto.

Nell’articolo trovate anche la ragione per cui ho deciso di aderire, malgrado la ristrettezza della rivendicazione specifica. Perché spero che questo sciopero sia un primo passo verso una discussione più ampia sui temi della politica universitaria in grado di invertire la rotta intrapresa dal nostro paese da ormai dieci anni. In questi anni si è verificata una riduzione progressiva e cumulativa del ruolo dell’università pubblica, attuata attraverso attraverso la riduzione delle risorse disponibili per università e ricerca, la crescente precarizzazione dei docenti e la riduzione delle risorse per il diritto allo studio. Ma in questi anni si è concretizzata anche una tendenza al controllo crescente della politica sulla ricerca di base ed applicata, nascosta dietro le parole d’ordine della valutazione e del merito. Se non riusciremo a fermare queste tendenze, non avremo più una università pubblica e una ricerca libera in questo paese.

Mattino 14 luglio 2017 sciopero

Image

La valutazione oltre l’ideologia. Roma 27 giugno 2017

Tags

, , , ,

Costi e benefici della valutazione

Tags

, , , ,

Gli argomenti usati per giustificare l’adozione di sistemi di valutazione massiva della ricerca del tipo VQR non sono basati su evidenze solide. In particolare non esistono analisi che mostrino che i benefici sono superiori ai costi della valutazione. La valutazione massiva della ricerca è autoritaria e contraria alle prassi adottate nelle comunità scientifiche.

Image

Seminario a Milano Bicocca

Locandina_Bicocca_9 giugno 2017

La gara dell’eccellenza suona il de profundis per le università del Sud

Lungo articolo sulla prima pagina de Il Mattino

mattino_prima_pagina_18_05_2017

6CWJ42

Ruolo e dignità dell’università

Locandina incontro MDDU 10 maggio 2017

 

Penultimi in europa per numero di laureati. Obiettivo centrato

L’italia ha già raggiunto gli obiettivi Europa2020 in tema di istruzione. Ma non c’è da rallegrarsi. Primo obiettivo: raggiungere il 26% di laureati sulla popolazione di 30-34 anni, un valore molto più basso dell’obiettivo globale europeo fissato al 40%. Obiettivo raggiunto: i laureati sono il 26,2% della popolazione. Solo la Romania con il 25,6% di…

via L’Italia centra l’obiettivo Europa2020: penultimi per numero di laureati — ROARS

Storie di ordinaria baronia in Area13

Non potrò far parte di collegi di dottorato che aspirino all’accreditamento ANVUR, forse non potrò neanche essere conteggiato tra i docenti di riferimento per le lauree magistrali. Ed il mio dipartimento perderà un po’ di risorse a causa della “cattiva qualità” della mia ricerca. Come risultato della VQR mi trovo infatti classificato dai “super esperti”…

via Storie di ordinaria baronia nella VQR di area 13 — ROARS

Il prossimo 19 gennaio 2017 discuteremo a Pisa di valutazione e scienza aperta. Con Maria Chiara Pievatolo, Roberto Caso, Giuseppe De Nicolao, Paola Galimberti e Paolo Rossi.

http://bfp.sp.unipi.it/aisa/pisa19117/